Contattaci EN

Settore civile PROTEZIONE PASSIVA AL FUOCO

Protezione passiva al fuoco di strutture e impianti, per la riqualificazione di strutture, pareti, solai, impianti in edifici produttivi o commerciali, con protezione pasiva al fuoco degli elementi costruttivi ed adeguamento dell'edificio alle normative antincendio vigenti ed alle prescrizioni dei VV.FF.

La compartimentazione è l'insieme degli elementi separanti verticali e orizzontali che permettono la suddivisione di un edificio in zone ermeticamente impermeabili in conseguenza di un incendio al fine di ridurre il rischio specifico di propagazione. Il compartimento antincendio è la parte di edificio delimitata da elementi costruttivi di resistenza al fuoco predeterminata ed organizzata per rispondere alle esigenze della prevenzione incendi. In altri termini, è un'area dell'edificio delimitata da elementi costruttivi e porta tagliafuoco che impediscono, almeno per il tempo prefissato, la propagazione di fiamme, calore, fumo e vapori dell'incendio alle aree adiacenti allo stesso compartimento.

SISTEMI DI PROTEZIONE PASSIVA DALL'INCENDIO CON TECNOLOGIA STRATIFICATA A SECCO IN GESSO RIVESTITO MATERIALI DA COSTRUZIONE ED ELEMENTI COSTRUTTIVI.

La struttura e gli elementi di chiusura e partizione di un edificio possono essere realizzati utilizzando differenti tecnologie, ognuno delle quali è caratterizzata da proprie attitudini e prestazioni.

COMPORTAMENTO DEL GESSO A FUOCO

Il comportamento del gesso al fuoco è unico in natura. E' impiegato nella maggior parte dei componenti per l'edilizia in forma biidrata. I materiali di gesso sono pertanto materiali inorganici e non combustibili. In  caso di incendio infatti il gesso viene disidratato, cioè l'acqua evapora. Si consuma energia e inoltre grazie alla formazione di un velo di vapore tra il fuoco e il materiale di gesso, si ritarda l'avanzamento dell'incendio.

LE LASTRE 

Sono elementi planari aventi diversi formati e spessori. Solitamente sono composte da un nucleo principalmente di gesso, rivestito sulle facce e sul bordo longitudinale da speciale cartone a tenuta meccanica o da fibre di vetro. Nello spessore occupato dalla struttura metallica si inserisce, solitamente, del materiale isolante che migliora la resistenza termica totale dei sistema. Utilizzate per realizzare pareti, contropareti, controsoffitti, protezioni strutturali.

PARETI DIVISORIE E CONTROPARETI.

Le pareti divisorie possono assolvere nel campo delle compartimentazioni antincendio funzione di barriera resistente al fuoco. Per raggiungere le necessarie caratteristiche di resistenza al fuoco si possono seguire due strade: l'utilizzo di contropareti o intonaci con funzione di adeguamento della resistenza al fuoco di pareti esistenti oppure l'utilizzo di pareti o contropareti con intrinseche caratteristiche di resistenza al fuoco. 

News ed aggiornamenti

  • 13 Luglio 2017

    AGEVOLAZIONE PER IL RISPARMIO ENERGETICO

    La legge di stabilità prevede che la detrazione fiscale per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici sia al 65%.

    Sono ammessi alla detrazione tutti i contribuenti residenti e non residenti, anche se titolari di reddito d'impresa, che possiedono l'immobile oggetto di intervento.

    Le detrazioni spettano alle spese sostenute o documentate che sono rimaste a carico del contribuente.

    In particolare, le detrazioni sono riconosciute se le spese sono state sostenute per:

    - il miglioramento termico dell’edificio (coibentazioni - pavimenti - finestre, comprensive di infissi);
    - l’installazione di pannelli solari;
    - la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale;
    - la riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento.

Galleria immagini

Per qualsiasi informazione in merito alle nostre attività, per ricevere un preventivo o maggiori dettagli riguardanti lavorazioni personalizzate non esitare a contattarci.

Richiedi informazioni